Decreto rilancio: Ecobonus al 110% per le ristrutturazioni
>
>
Decreto rilancio: Ecobonus al 110% per le ristrutturazioni

Decreto rilancio: Ecobonus al 110% per le ristrutturazioni

Grazie ai pannelli esterni CIMENTO®, oggi è possibile creare il fascino del rivestimento del cemento in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo.

Il pannello è costituito da un tyle in fibrocemento con pochi millimetri di CIMENTO® su di esso, al fine di conferire al pannello l’effetto materiale che distingue gli interni e i rivestimenti del pavimento.

Le facciate ventilate CIMENTO® sono facili da installare e non richiedono finiture o intonaci aggiuntivi.

Le detrazioni fiscali al 110% per gli interventi di ristrutturazione edilizia rientrano nel Decreto Rilancio appena approvato: si tratta del famoso superbonus, che permette di migliorare gli edifici dal punto di vista dell’efficienza energetica, praticamente a costo zero.

Si tratta quindi di una detrazione fiscale, per le spese sostenute dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021, relative a diversi interventi, da ripartire in cinque quote annuali. Innanzitutto, interventi di isolamento termico o di sostituzione impianti di riscaldamento. Nel dettaglio “l’isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda. Spesa massima ammissibile: 60mila euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. I materiali isolanti devono rispettare i criteri ambientali minimi di cui al decreto del ministro dell’Ambiente 11 ottobre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 6 novembre 2017”.

Ne potranno usufruire sia i condomini che chi vive in singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale. La detrazione non vale per le seconde case. Il bonus spetta a tutti coloro che effettuano lavori di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico sulla prima casa. I committenti si vedranno restituire tutta la cifra spesa in cinque quote di pari importo, più un bonus aggiuntivo. Per accedere alla detrazione però è necessario che ci sia un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio o, comunque, qualora questo non sia possibile, che si arrivi alla classe energetica più alta. Tramite l’attestato di prestazione energetiva (Ape) dovrà essere certificato il miglioramento. Il bonus verrà erogato come detrazione fiscale da restituire in cinque quote di pari importo. Chi decide di effettuare i lavori potrà anche cedere il suo credito alle banche o all’impresa che realizza i lavori: con questa seconda opzione, il credito viene ceduto ma lo sconto avviene direttamente in fattura.

 

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.